Differenza tra web app, app ibride e app native

Differenza tra web app, app ibride e app native

In questi mesi dalle righe del nostro blog abbiamo cercato di immergervi nel mondo delle app con l’obiettivo di far comprendere al lettore le dinamiche che muovono queste piattaforme, e per aiutarlo a capire cosa dovrebbe spingere lui e la sua azienda a fare il fatidico passo verso gli store Android o iOS.

I motivi per dar vita a un’applicazione sono molteplici e li abbiamo già abbondantemente analizzati: passano dall’esigenza di competere con avversari all’avanguardia, fino alla possibilità di essere degli innovatori tecnologici all’interno della propria nicchia di mercato.

Una volta capito questo però bisogna fare il fatidico passo, analizzando quali sono le reali esigenze dell’azienda in questione per dar vita ad un prodotto che sia quanto più performante, e che rispecchi l’immagine che si è costruita la società in questione nel tempo.

Capire cosa creare non è semplice, soprattutto perché il mercato offre varie soluzioni: budget e planning alla mano bisogna scegliere tra una web app, una app nativa oppure un’app ibrida.
Vediamo di cosa si tratta.

Leggi tutto “Differenza tra web app, app ibride e app native”

La mobile transformation in Italia

Mobile - Think Out The Box
I dati dell’Osservatorio Mobile B2C del Politecnico di Milano

Ormai da un paio di anni Beeapp fa parte delle aziende di filiera che contribuiscono alla ricerca dell’Osservatorio Mobile B2c Strategy, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e anche quest’anno non potevamo mancare al convegno di presentazione dei risultati, dal titolo Mobile: think out of the box tenutosi lo scorso 9 febbraio a Milano presso l’aula Magna dell’Università Bicocca.

Dalla ricerca emergono dati molto interessanti sia sull’uso degli smartphone da parte degli utenti (Mobile Surfer), sia su come le aziende stanno affrontando questo processo di mobile transformation. Vediamone alcuni. Leggi tutto “La mobile transformation in Italia”

Internet da mobile supera quello da desktop per la prima volta

Internet da mobile supera quello da desktop per la prima volta

Il mondo del web è in continua evoluzione, le logiche e le sue dinamiche cambiano costantemente, a un ritmo che è difficile, per molti, sostenere. Col tempo, assieme alle logiche, sono cambiate anche le abitudini degli utenti nella fruizione di internet. Per la prima volta nella storia, nel mese di Ottobre è stato registrato che in tutto il mondo ci sono stati più accessi al web tramite un dispositivo mobile rispetto a un desktop.

La storica notizia è stata annunciata dal StatCounter, una delle più importanti società di monitoring di tutto il web. I numeri parlano chiaro, nell’Ottobre 2016 l’accesso ad internet è così suddiviso: 51,2% di accessi derivanti da smartphone e tablet e 48,7% da desktop.

Leggi tutto “Internet da mobile supera quello da desktop per la prima volta”

Cinque modi in cui il cliente può aiutarci a costruire app migliori

Qualunque agenzia sa bene che il cliente ha sempre ragione, anche quando non sa ciò che vuole. Tuttavia il modo migliore per rendere lo sviluppo di un’app un’esperienza piacevole e non l’inferno sulla Terra è far sì che cliente e azienda lavorino assieme, smussando i propri angoli e proponendo soluzioni che portino avanti il progetto, senza fare richieste assurde o richiedere budget che non hanno senso.

Ecco dunque cinque cose che il cliente può cercare di fare per aiutare un’azienda nella fase di dialogo e progettazione di un’app.

appbudget_1024 Leggi tutto “Cinque modi in cui il cliente può aiutarci a costruire app migliori”

Super Mario su iOS, perché Nintendo ha scelto il mobile

Nessun appassionato di tecnologia e videogame durante il Keynote di Apple se lo sarebbe mai potuto aspettare: Super Mario approderà sull’App Store con un gioco esclusivo per il mobile, Super Mario Run. E questo cambierà per sempre il mondo delle applicazioni.

image02

Nintendo nell’ecosistema iOS e Android

Il primo tentativo di Nintendo di entrare nel mercato mobile con Pokèmon Go non è certo andato male (dopo aver fatto una timida prova con Miitomo). Nintendo ha deciso quindi di rischiare ancora di più con Super Mario Run, che avrà come protagonista l’idraulico più famoso al mondo. Il dispositivo mobile è il mezzo perfetto per Super Mario di passare al livello successivo.

La scelta di Super Mario su iOS e Play Store ha infatti molto senso: Pokèmon Go è arrivato in poco tempo a essere la 5ª app più redditizia al mondo, con un guadagno di mezzo milione al mese e, d’altra parte, Super Mario sta lentamente scomparendo dall’immaginario videoludico dei più giovani. Inoltre Nintendo, con il proprio mercato hardware sempre più ristretto, non se la sta passando proprio bene. Leggi tutto “Super Mario su iOS, perché Nintendo ha scelto il mobile”

WeNote: l’app per non dimenticare mai niente

main_simple

La storia di WeNote comincia nel 2014, quando una giovane Beeapp, non ancora ospite del Polo Tecnologico, ma con sede in un garage proprio come le migliori startup tecnologiche americane, decise di dedicarsi ad un’idea innovativa. Quanto sarebbe bello avere un’app che ci ricordasse le cose da fare, non in dipendenza da un momento specifico, ma piuttosto dal luogo in cui ci troviamo?

Prendeva così vita una nuova app basata sulla tecnologia ancora acerba iBeacon, da poco introdotta da Apple. In quel periodo infatti cominciava a diffondersi quello che si definisce marketing di prossimità, che, basandosi sui beacon, veicola informazioni ai consumatori in base al luogo in cui sono geolocalizzati. Leggi tutto “WeNote: l’app per non dimenticare mai niente”