Come monetizzare una app: strategie e strumenti utilizzabili

Come monetizzare una app

 

Come faccio a monetizzare la mia app? Questa è una delle domande che chi vuole buttarsi nel mercato delle app deve necessariamente porsi. Una domanda non proprio semplice, ma alla quale proveremo a dare delle risposte. 

In un mondo in cui abbiamo degli store digitali come AppStore e Google Play Store pieni zeppi di applicazioni per tutti i gusti, come fa uno sviluppatore a monetizzare l’app appena creata? Vediamo insieme qualche piccola soluzione su come monetizzare una app appena lanciata.

Creare una buona applicazione, semplice e facilmente comprensibile anche per l’utente medio, è uno dei modi che vi permetterà di fare apprezzare il vostro prodotto. Un utente dedica molto più tempo alle app che utilizza con maggiore facilità ed è invogliato ad acquistare con maggior serenità contenuti al suo interno. Il mondo dell’acquisto dei contenuti all’interno della app, chiamato “in app purchase”, parla da sé: nel 2016 il fenomeno quantificato è di 21 miliardi di dollari con previsioni che vanno intorno ai 35 miliardi per i prossimi anni. L’acquisto di contenuti in-app non è però l’unico modo. Ecco quindi una lista delle migliori strategie su come monetizzare una app.

Banner

Ci sono tanti modi per invogliare l’acquisto di contenuti all’interno della app, ma per garantire un’esperienza utente senza intralci o noiose interruzioni pubblicitarie è necessario trovare qualcosa di più. La migliore soluzione a oggi è sicuramente l’utilizzo dei banner. Questi sono poco invasivi, ma allo stesso tempo permettono all’utente di proseguire nel normale utilizzo, limitando la zona occupata a una parte ridotta dello schermo.

Interstitial a schermo intero

Discorso a parte, invece, meritano gli interstitial a schermo intero. Questo format, a differenza dei banner, è piuttosto invadente ma può non essere dannoso per l’esperienza utente, specie se utilizzato nei momenti giusti come in un gioco, quando l’utente vince una battaglia o supera un livello.

Video pubblicitari non invasivi

L’elemento più discusso è sicuramente il video pubblicitario. Gli annunci video sono sempre più utilizzati come elemento per monetizzare una app. Gli utenti sembrano non apprezzarli particolarmente nella maggior parte dei casi per via delle interruzioni, dei rallentamenti e per un peggioramento delle performance; una parte di loro, invece, risulta tollerante ai video privi di audio, in quanto fonte di minore distrazione.

Scambia una visualizzazione per qualche credito

Altra tecnica molto utilizzata per la monetizzazione è il premiare, con monete extra o altri crediti all’interno della app (metodo utilizzato soprattutto nei giochi), la visualizzazione di un video pubblicitario o di un contenuto creato ad hoc; questo “scambio” permette all’utente di percepire la riproduzione di un contenuto pubblicitario come un vero e proprio valore aggiunto e non come un impedimento o una operazione obbligata fondamentale per l’utilizzo della app stessa.

Paywall

Dati alla mano, il 95 per cento delle applicazioni presenti su App Store sono app disponibili al download gratuitamente. Il restante 5 per cento sono applicazioni che hanno un costo che va dai 0,99 euro fino ai 999 euro di massima. La situazione per quel che riguarda le applicazioni a pagamento è molto complessa, specie in un mercato assuefatto dalla gratuità delle applicazioni. La soluzione consigliabile per chi vuole monetizzare la propria app è quella di realizzarne due versioni: una gratis con funzionalità limitate o con l’inserimento di pubblicità non invasiva e una a pagamento senza pubblicità o con funzionalità complete.

Monetizzare una app: in conclusione

Il mercato delle app è sicuramente uno dei più concorrenziali. La concorrenza aumenta ogni giorno ma allo stesso tempo anche le strategie  utilizzate dagli sviluppatori per monetizzare una app si evolvono rapidamente. Oltre a poter prendere come esempio quanto detto finora, è necessario sempre tenere a mente che ogni caso è differente e serve una apposita strategia per ogni tipologia di pubblico e obiettivo che si vuole raggiungere. In questo caso ascoltare gli utenti, le loro richieste, i loro feedback potrebbe essere l’elemento fondamentale per la realizzazione di una strategia di monetizzazione che fa al caso vostro.

 

Rispondi